Vogliamo un mondo globale dove sia possibile per ciascuno esercitare il diritto a spostarsi, a fare esperienze all’estero, a ritornare, a muoversi in differenti paesi. Sogniamo una metropoli globale in cui sia possibile passeggiare sull’Avenue Pompidou a Dakar, girare un angolo e trovarsi a Piazza Vittorio a Roma, superare un cancello e piombare improvvisamente a Brooklyn.

Vogliamo raccontare l’emergere di comunità transnazionali che includano tanto il paese di provenienza che quello di arrivo dei migranti. Vogliamo costruire un ambiente migratorio nel quale i movimenti dei migranti contribuiscano alla crescita civile, economica e culturale, tanto del paese di partenza quanto di quello di arrivo, creando dei legami continui tra i diversi contesti che toccano.

Il nostro impegno è a favore della globalizzazione: non sosteniamo la globalizzazione «dall’alto», quella dei mercati finanziari, della multinazionali e del turbo-capitalismo, ma quella «dal basso», creata dai movimenti dei migranti.

Vogliamo studiare le migrazioni di ritorno, metterne in luce le potenzialità e le contraddizioni, leggerle come passaggio verso una mobilità umana finalmente liberata. Vogliamo richiamare l’attenzione su una problematica, quella del ritorno, che prelude spesso a una difficile «migrazione al contrario» e che, al pari della migrazione «primaria», richiede al soggetto una complessa mobilitazione di risorse economiche, psicologiche e relazionali.

Intendiamo sollecitare la nascita di un’opinione pubblica compiutamente italo-senegalese, per affrontare comunemente le sfide che coinvolgono le popolazioni europee e africane in un panorama globale in rapida trasformazione.

Nel sito ritornoinsenegal.org pubblichiamo articoli che contengono:

  • storie, cioè interviste, visioni, tracce di vita e racconti sull’immaginario legato alla creazione di una comunità transnazionale italo-senegalese
  • documenti, cioè relazioni e sintesi dei dati, delle informazioni scientifiche sulle migrazioni (anche) di ritorno dal e verso il Senegal, di interesse per i migranti o per gli studiosi (di contenuto sociologico, economico, statistico)
  • informazioni, cioè comunicazioni e risposte degli esperti su temi di attualità e legati alla tutela dei migranti